Ritorna ad una visualizzazione normale
 

Esenzioni

Invia ad un amico
stampa
 

Tra tutte le malattie presenti ve ne sono alcune che danno diritto all’esenzione dal pagamento del ticket (esenzione parziale: solo per alcune prestazioni; esenzione totale: esenta qualsiasi prestazione). Queste sono individuate sulla base dei criteri dettati dal D.Lgs. 124/1998: gravità clinica, grado d’invalidità e onerosità della quota di partecipazione derivante dal costo del relativo trattamento.

Attualmente, ai fini dell’esenzione sono individuate 56 malattie e condizioni, esenti ai sensi del D.M. n. 329/1999 e successive modificazioni (malattie croniche ed invalidanti) e 284 malattie e 47 gruppi di malattie rare, esenti ai sensi del D.M. n. 279/2001

Le malattie comprese negli allegati al D.M. 329/99 e successive modifiche (malattie croniche ed invalidanti) e al D.M. 279/2001 (malattie rare) sono definite secondo la Classificazione Internazionale delle Malattie (ICD-9-CM), tranne nei casi particolari di categorie molto ampie (es. “051 Soggetti nati con condizioni di gravi deficit fisici, sensoriali e neuropsichici”).
Per le malattie rare, sono generalmente elencati anche i sinonimi più frequenti e, quando si tratta di gruppi di malattie, sono riportati esempi di malattie afferenti allo stesso gruppo.

Per avere riconosciuto il diritto all’esentabilità delle prestazioni, il cittadino deve essere munito di ricetta del SSN (rossa o elettronica o dematerializzata) contenente il codice relativo alla patologia/invalidità/status.