Ritorna ad una visualizzazione normale
 

Tariffario prestazioni specialistiche ambulatoriali

Invia ad un amico
stampa
 

Il Nomenclatore Tariffario Regionale individua tutte le visite e prestazioni specialistiche, ivi comprese le prestazioni di diagnostica strumentale e di laboratorio, erogabili in regime ambulatoriale nell’ambito del Servizio sanitario nazionale/regionale, la branca, l’eventuale casistica di prescrivibilità, le modalità di erogazione, la tariffa.

Con Delibera della Giunta Regionale n. 859 del 2011, e successive aggiornamenti, sono state apportate modifiche al Nomenclatore Tariffario Regionale, inserendo prestazioni più rispondenti alle reali modalità di erogazione nel territorio veneto, definendo – per alcune prestazioni – le condizioni di erogabilità per garantirne l’appropriatezza, inserendo nuove prestazioni quali livelli essenziali.

 

La Legge 24.12.1993 n. 537 (e successive integrazioni e modifiche) prevedono che tutti i cittadini non esenti debbano partecipare alla spesa sulle prestazioni sanitarie specialistiche e di diagnostica strumentale e di laboratorio corrispondendo un contributo economico, comunemente chiamato ticket, su quanto prescritto fino ad un massimo di € 36,15 per ricetta.

Sono previste categorie di soggetti esenti per età e reddito, disoccupazione, affetti da forme morbose e le categorie previste dal DM del 1 febbraio 1991 e successive modifiche/integrazioni.
Le vigenti disposizioni di legge prevedono, inoltre una
Quota fissa di 10 € sulle ricette di specialistica ambulatoriale ai soggetti non esenti:

    • 10 euro per ogni ricetta contenente prestazioni prescritte ed erogate che NON siano coperte da un’esenzione.

    • 5 euro per ricetta se il soggetto appartiene a nuclei familiari con reddito inferiore a 29.000 euro