Ritorna ad una visualizzazione normale
 

Unità di Ricerca Clinica

Invia ad un amico
stampa
 
Contatti
Telefono: 045 8122844 - 045 8122819 Fax: 045 8122814
Dove siamo

1 Piano Lato Adige dell’Ospedale Geriatrico

 

Ospedale Borgo Trento
P.le A. Stefani 1, 37126 - Verona Mappa dell'Ospedale
 

Dott.ssa Giulia Bisoffi - Responsabile
Tel.: 045 8122844/2819
Fax.: 045-8122814
E.mail: giulia.bisoffi@aovr.veneto.it

Segreteria, Referente Formazione e Qualità
rag. Liliana Raguzzi
Tel.: 045 - 8122844
Fax: 045 – 8122814
email: unita.statistica@aovr.veneto.it  

Supporto alla Ricerca No profit
Tel: 045 8127043 – Fax. 045 8122814
email: supporto.noprofit@aovr.veneto.it

Supporto alla Ricerca Profit
Tel. 045 8127051 – Fax. 045 8122814
email:supporto.profit@aovr.veneto.it

 

 

PRESENTAZIONE

L’URC è prevista dalla DGRV 925 del 22 giugno 2016 con l’obiettivo di supportare i clinici nella ricerca sostenendo prioritariamente quella che produce risultati scientifici misurabili, nonché quella finanziata e con ricadute sul Sistema Sanitario Regionale.

ATTIVITÀ

L’URC è prevista dalla DGRV 925 del 22 giugno 2016 con l’obiettivo di supportare i clinici nella ricerca sostenendo prioritariamente quella che produce risultati scientifici misurabili, nonché quella finanziata e con ricadute sul Sistema Sanitario Regionale.

Le attività previste da tale normativa si possono articolare nelle seguenti sotto-aree:

a) Biostatistica e supporto metodologico per la ricerca

  • supporto biostatistico-epidemiologico per progetti aziendali e per i bandi di ricerca;
  • supporto alla progettazione di studi, alla creazione di database clinici e “in service”, su richiesta degli sperimentatori, al data entry, alla elaborazione dei dati, alla stesura degli articoli per la pubblicazione, con particolare riferimento ai metodi e ai risultati;
  • supporto alla stesura del protocollo di studio no profit e della documentazione allegata alla domanda di autorizzazione (quali ad esempio scheda raccolta dati (CRF), informativa per il paziente e consenso informato, lettera per il curante) prima che vengano presentati al CESC e all’introduzione di eventuali modifiche richieste dal CESC o dall’Autorità Competente (AC), di emendamenti al protocollo;
  • promozione di percorsi utili a sostenere la filiera sperimentazione preclinica-clinica.

 

b) Supporto amministrativo per la ricerca e al CESC

  • limitatamente agli studi per i quali il Promotore è l’AOUI, trasmissione delle informazioni di competenza del Promotore ad AIFA e/o al Ministero della Salute;
  • supporto per la ricerca di fondi per la ricerca no profit;
  • supporto, laddove richiesto, nella sottomissione della richiesta di autorizzazione al CESC;
  • approfondimento degli aspetti legati alla fattibilità locale, utilizzando la modulistica messa a disposizione degli sperimentatori/promotori dal CESC;
  • definizione della bozza di contratto economico;
  • supporto riguardo alla stipulazione della polizza assicurativa studio-specifica;
  • predisposizione delle proposte di deliberazione e gli atti autorizzativi e supporto alla predisposizione  degli atti  economici derivanti dalla formulazione del parere da parte del CESC;
  • raccordo tra CESC, ricercatori, sponsor, le UO coinvolte e le strutture amministrative coinvolte;
  • nel caso di richiesta di accesso al Fondo ricerca indipendente, supporto agli sperimentatori nella compilazione dei moduli;
  • convocazione delle riunioni della commissione per l’assegnazione del Fondo per la Ricerca indipendente e istruisce le pratiche.

 

c) Monitoraggio scientifico e amministrativo/contabile/giuridico dello studio e data management

  • monitoraggio amministrativo degli studi clinici (avvio, stato di avanzamento, risultati e conclusione) e comunicazione alla Regione tramite compilazione del Registro Regionale;
  • supporto nella stesura di relazioni scientifiche e amministrative periodiche;
  • monitoraggio della corretta conduzione degli studi (secondo Good Clinical Practice);
  • supporto allo sperimentatore nelle attività di vigilanza sulla sicurezza del prodotto in studio, raccordandosi con il Servizio di Farmacologia;
  • monitoraggio dei costi e dei ricavi degli studi clinici e rendicontazione economica per la successiva richiesta di fatturazione al promotore, l’allocazione dei profitti e il controllo/gestione dei fondi ricerca;
  • monitoraggio degli aspetti gestionali ed amministrativi degli adempimenti contrattuali;
  • supporto all’Internal Auditing;
  • controllo dei processi legati alla sperimentazione clinica e monitoraggio dell’impatto sul sistema aziendale e la corrispondenza con la strategia aziendale.

 

d) Formazione:

  • organizzazione di iniziative di formazione dei ricercatori e del personale coinvolto negli studi su temi legati alla ricerca clinica e all’analisi statistica;
  • promozione della ricerca clinica nelle strutture del servizio sanitario regionale e riferimento qualificato per gli sperimentatori, il personale coinvolto, i cittadini coinvolti, in collaborazione con l’accademia;
  • informazione ai ricercatori sui bandi di ricerca regionali, nazionali e internazionali

 

e) Altre attività dell’URC

  • sostegno all’integrazione tra l’università e le strutture del servizio sanitario regionale;
  • sostegno alla partnership pubblico-privato;
  • pubblicazione nel sito internet istituzionale tutti i documenti di supporto inerenti la ricerca clinica accessibili all’utenza interna ed esterna (es. modulistica, e-recruiting, pubblicazioni e studi in corso approvati dal CESC);
  • supporto all’informatizzazione dei processi legati alla ricerca

 

 

ATTIVITÀ PARTICOLARI

L’URC, oltre ad attività legate alla ricerca, si occupa anche di attività a supporto della direzione aziendale dettagliate nell’Atto Aziendale.

Pubblicazioni AOUI Verona anno 2015